Migliori asciugamani, prezzi, asciugamani per bagno, set asciugamani, cotone e altri materiali

Risulta molto difficile scegliere un asciugamano, qualunque sia il suo utilizzo, ecco che in questa guida completa vedremo tutto quello che occorre conoscere e sapere per poter acquistare in totale sicurezza l’asciugamano che più fa al nostro caso. Vedremo fattori, come la qualità dei materiali, ciò che riguarda la resistenza dei colori soprattutto ai continui lavaggi e la buona fattura.

Misura della qualità della spugna

Per fare in modo che si vada a scegliere la migliore marca dei tessili per uso casalingo, si deve scegliere quella che è in grado di offrirci un prodotto al giusto prezzo. Per capire quanto sia efficace il prodotto, bisogna considerare quanto sia la pesantezza del tessuto, questo si può esprimere con dei valori universali. La misurazione avviene in grammi per metro, offrono una garanzia e affidabilità che parte da 550 grammi per metro. Ma non tutti gli asciugamani hanno questo dato, per cui, basta provare il tessuto con un semplice tocco, sentendo anche la sua consistenza. Ovviamente, non deve disperdere pelucchi o fili, tale cosa denota una mal fattura. L’alternativa alla spugna in cotone, sicuramente è la recente microfibra.

Il set completo

Un asciugamano è sostanzialmente un rettangolo di spugna alla quale il prezzo e le dimensioni variano a seconda dello scopo per cui vorremmo utilizzarlo. Un set che si definisce completo va a comprendere almeno tre asciugamani di differenti misure e usi. Si parte da:

  • il classico asciugamano per asciugare il viso e le mani, la quale le misure sono variabili, ma di norma si aggirano intorno a 60 x 100 cm;
  • il telo da bagno, che va a sostituire l’accappatoio, di solito più grande e spesso intorno ai 100 x 150 cm;
  • l’asciugamano per il bidet, piccolo e misura intorno a 40 x 60 cm.

Sarà possibile scegliere di acquistare anche pezzi singoli, ma chi confronta i prezzi noterà che è più conveniente optare in modo certo per un set completo.

Il primo lavaggio

Quello a cui va data maggiore importanza, nonché tenuto in considerazione prima di acquistare il giusto asciugamano, è l’aspetto della manutenzione e del corretto uso. Come è dato sapere, devono essere lavati spesso e soprattutto appena si comprano, spesso anche più di una volta, questo per liberare al meglio il potere che ha il cotone. Dunque, non si tratta di andare a eliminare dei residui in fatto di sporco che si accumula, durante la fase di fabbricazione e di distribuzione, ma soprattutto per permettere alle fibre di andare a svolgere al meglio il loro compito e quindi ad assorbire l’acqua. L’asciugamano degno di tal nome è quello che non perde colore, quindi non macchia tutti gli altri capi lavati insieme. Diventa di buona norma lavare la prima volta i pezzi separatamente alle temperature che sono indicate dal fabbricante.

Descrizione Caratteristiche Principali

Nota importante: il cotone. Proprio il filato di cotone è sempre usato da tempi immemorabili, questo per quanto riguarda la produzione di stoffe a vario utilizzo e anche di capi d’abbigliamento. Ha numerose varietà, ma le più pregiate in assoluto sono sempre:

  • il cotone peruviano
  • il cotone egiziano

Pertanto, sono le condizioni climatiche particolari, così come l’elevato grado di purezza dell’aria dove risiedono le coltivazioni egiziane, a ridosso del deserto, che fanno in modo di avere una maturazione dei fiocchi che esalta ai massimi livelli tutte le caratteristiche migliori del cotone come:

  • l’elevata traspirabilità,
  • fibre resistenti ma delicate,
  • soffice morbidezza dei fiocchi.

Il cotone egiziano

Proprio il cotone egiziano è particolarmente indicato quando si ricerca una fabbricazione di asciugamani e accappatoi, visto che questo filato viene utilizzato spesso in percentuale con altri tessuti, ma anche al 100%, nel caso sia un prodotto di fascia alta. Un marchio che ha fatto del cotone egiziano uno dei suoi articoli migliori, è sicuramente, il brand inglese Linens Limited. Infatti, i suoi prodotti si differenziano per l’uso esclusivo di qualità più pregiate, destinati a linee Luxury. I set di asciugamani Linens Limited sono spesso realizzati in modo ideale per le coppie, si compongono da quattro pezzi che sono ben cuciti e rifiniti. Vengono realizzati al 100% in filato di cotone egiziano e offrono una resistenza che si possono utilizzare anche in casa o addirittura in spiaggia.

Come utilizzare un asciugamano

Prima di tutto, come anticipato in questa guida, si devono lavare gli asciugamani. Soprattutto in modelli che sono in cotone, si deve procedere a un passaggio preventivo in lavatrice, questo per far distendere bene le fibre. Si deve precisare che le forme e le dimensioni si adattano a diverse zone del bagno, quindi ogni asciugamano dovrà essere al suo posto. Non dovranno neanche essere utilizzati per altri scopi. Sempre sostituire con regolarità. Risulta di buona prassi procedere a una consueta rotazione degli asciugamani presenti in casa. Riciclate quelli che sono troppo usurati, oramai avranno perso il loro potere di assorbimento o si saranno rovinati per uso prolungato. Una volta che gli asciugamani sono puliti, dovranno essere risposti ed essere sicuri che sia eliminato  ogni residuo di umidità presente. Non dovrà mai essere tirato il tessuto, perché il modo di assorbire di questi asciugamani dipende anche dalla sua elasticità. Il consiglio è quello di non esagerare mai mettendo a dura prova le naturali qualità del tessuto, per poi rischiare di sformarlo in modo definitivo. Inoltre, si deve sempre puntare a dei prodotti naturali, questo perché così saranno più sensibili e attenti all’ambiente i produttori stessi, nonché lavorati con cura e attenzione.

Come piegare gli asciugamani?

Non è cosa stupida, ma di ottima abitudine, quella di piegare gli asciugamani, questo per poterli poi riporre nell’armadio andando ad occupare il meno spazio possibile, risulta un’operazione molto semplice. Basta che gli asciugamani vengano stesi su di un ripiano o sul letto, poi lavati e asciugati: inizialmente, si dovrà piegare il lato più lungo verso il centro e faro lo stesso dall’altro lato, facendo attenzione che le due pieghe combacino tra di loro. Poi, va preso il lato più corto e si dovrà piegare di nuovo il centro, facendo anche la stessa cosa dalla parte opposta, tutto si conclude in modo ulteriore andando a dividerlo così da eliminare le grinze che potrebbero  essersi formate.

Come togliere il cattivo odore dagli asciugamani?

Succede e capita che, per colpa della fretta, vengano riposti degli asciugamani non del tutto asciutti, quindi umidi,  all’interno del cassetto a loro dedicato. Questo farà in modo che l’umidità che in essi è ancora trattenuta rilasci un odore molto sgradevole che è simile a quello della muffa. Esiste un modo per evitarlo, è quello di assicurarsi che tutti gli asciugamani siano totalmente asciutti prima di ripiegarli e, se possibile, si dovranno lasciare asciugare all’aria, soprattutto se quando avviene il momento del bucato sarà in coincidenza con una giornata soleggiata. Ma, per rimuovere quello sgradevole odore, invece, risulterà necessario lavare di nuovo i capi in lavatrice, questo aggiungendo anche un pochino di aceto di vino o un profuma biancheria apposito.

Come ammorbidire gli asciugamani?

Tutti questi lavaggi frequenti e anche le stirature potranno rendere i nostri asciugamani ruvidi e secchi. Ma, a questo esiste un efficace rimedio naturale per dar loro di nuovo la loro morbidezza al fine di evitare di doverli gettare e comprarne di nuovi. Quello che serve è una bacinella per il lavaggio, che sia abbastanza grande per poter inserire gli asciugamani che saranno da ammorbidire, del sale fino, dell‘aceto di vino e bicarbonato. Si dovrà poi aggiungere acqua calda all’interno del recipiente, quindi inserite un bicchiere di aceto di vino bianco, mettete 50 g di sale per poter ridare vita agli asciugamani colorati, infine, ultimo ingrediente sono due cucchiai da cucina di bicarbonato di sodio. Dopodiché si immergono gli asciugamani e si lasciano in ammollo per almeno quattro ore. Dopo che è trascorso questo tempo, si dovrà effettuare un nuovo lavaggio in lavatrice e assicurarci poi che siano perfettamente asciutti prima di andarli a piegarli. Si utilizza l’aceto di vino bianco, perché grazie alla sua acidità, può eliminare i residui di detersivo da tutti i continui lavaggi. Il bicarbonato di sodio, invece, ci garantisce una pulizia profonda dei capi senza però l’utilizzo di detergenti aggressivi.

Dove mettere gli asciugamani in bagno?

Se si vogliono riporre gli asciugamani al bagno, quindi se il nostro bagno è dotato di porta asciugamani, di solito sono posti solitamente ai lati del lavandino, si possono riporre le salviette su di essi. Ma, se dovessero mancare questi accessori, allora, si opta per mettere gli asciugamani, ben piegati o arrotolati, dentro a un cesto oppure in un’anta di un mobile da bagno, basta che sia uno spazio comodo e pulito. Se mancasse dello spazio per tale mobilia, in commercio, come all’Ikea, sono stati ideati dei ganci che si possono fissare al muro tramite viti, biadesivo o la semplice ventosa che si potrà attaccare alle mattonelle ove presenti.

Come lavare gli asciugamani in lavatrice?

Per effettuare un lavaggio corretto degli asciugamani, sarà consigliabile seguire completamente tutte le indicazioni che sono poste sulle etichette di ogni capo. Inoltre, è consigliato, oltre all’utilizzo di un detersivo appropriato e poco aggressivo, anche di fare i lavaggi in merito al colore ed evitare di mischiare, questo poi all’interno della lavatrice, quelli bianchi con tutti quelli che sono caratterizzati da colori molto accesi. In tal modo, si andrà a limitare il rischio di scolorimento dei tessuti. Se mancasse l’ammorbidente, magari una volta ogni due, anche tre lavaggi, potremmo sostituire quest’ultimo con dell’aceto di vino bianco, per poter donare morbidezza agli asciugamani in modo più naturale.

Perché comprare asciugamani?

Gli asciugamani sono sempre degli accessori di uso quotidiano che si trovano in casa, ma vanno cambiati regolarmente nel tempo perché sicuramente, dopo un certo numero di lavaggi, tenderanno a rovinarsi, di solito per i motivi che adesso si elencheranno:

  • Momento del rinnovo, se non ricordassimo quando è stata l’ultima volta che abbiamo cambiato gli asciugamani, allora molto probabilmente, questo è successo molto tempo fa. Si deve tenere presente che in genere la durata utile di un asciugamano è tra i 2 e i 3 anni, per cui è inevitabile cambiarli dopo un po’. Non solo per un fatto di comodità, ma anche di igiene.
  • Decorazione, ovviamente quando si riceve qualcuno a casa, è carino ed educato far notare come siano igienici e ben riposti gli asciugamani. Ecco che dovremo sempre avere un tocco di stile e di colore, nonché fare attenzione e non lasciarli in preda a polvere e piccole particelle di sporcizia.

Che tipo di asciugamani esiste sul mercato in base alle varie dimensioni?

Gli asciugamani a oggi e da sempre sono sicuramente degli articoli necessari per la cura personale, dunque è indispensabile che se ne possegga più di uno, per varie occasioni. Come detto, si usano per le mani, anche per dopo la doccia, ma ce ne sono anche delle varianti a seconda delle dimensioni, come vedremo adesso in un elenco:

  • Asciugamani da viso. Sono quelli che si usano per poter asciugare le mani, ma anche per i capelli, di solito misurano 40 x 70 centimetri.
  • Asciugamani da toilette. Sono quelli che si utilizzano anche per il bidet o per il necessaire da viaggio. Solitamente sono degli asciugamani che misurano 30 x 50 centimetri.
  • Asciugamani da doccia. Sono tutti quelli che occorrono per asciugarsi dopo la doccia, di solito misurano 50 x 100 centimetri.
  • Asciugamani da bagno. Sono tutti quelli più grandi, che hanno dimensioni standard di 100 x 150 e possono essere usati anche come asciugamani per la spiaggia.
  • Asciugamani da piedi. Infine, ultima tipologia, di solito misurano 27 x 52 centimetri e sono di poco più grandi per assicurarci lo spazio per cui poggiare i piedi uscendo dalla doccia.

Di che materiale sono fatti gli asciugamani?

Sembra banale, ma invece è importante capire il materiale di cui è fatto un asciugamano, perché da questo dipenderà la durabilità, la resistenza ma anche le proprietà allergeniche dell’asciugamani, questo a seconda dei casi. Qui di seguito mostreremo una piccola guida che mostra alcuni tra i materiali che sono più utilizzati per la fabbricazione degli asciugamani.

Cotone

Questa, come anticipato, è la fibra che si differenzia dalle altre per eccellenza, soprattutto perché trattiene naturalmente l’acqua e potrà assorbire quasi 25 volte il proprio peso. Gli asciugamani che sono in cotone si distinguono per la loro capacità di assorbire l’umidità senza che vadano a lasciarne traccia quando ci asciughiamo. Il filato più comune è il bouclè.

Microfibra

Questi asciugamani in microfibra sono moderni, vengono fatti con delle fibre sintetiche quali il nylon e poliestere. La proporzione ideale sta a 80% nylon e 20 % poliestere. Questo è sicuramente un tessuto molto diverso dal cotone: perché è molto più sottile, ha anche una maggior capacità di assorbimento dell’umidità e quindi di asciugatura rapida, ma non da’ sicuramente la stessa sensazione di morbidezza e qualità di un asciugamano in cotone.

Bambù

Molto particolare, questa è una fibra totalmente naturale con proprietà antibatteriche, tanto che risulta quindi molto igienica. Risulta perfetta per le persone con pelle atopica perché non potrà mai causare allergie. Assorbe come il cotone, ma in modo molto più morbido e flessibile. Gli asciugamani in bambù sono totalmente traspiranti, risultano piacevoli al tocco e anche freschi in estate, ma non offrono molta protezione dal freddo in inverno.

Poliestere

Questo materiale chiamato poliestere è un materiale sintetico che, solitamente, viene combinato con delle altre fibre quali il cotone o il nylon, per poter abbattere i costi. Risulta poco pesante, inoltre assorbe in modo rapido, è anche repellente per anti macchina, non si andrà mai ad allargare e resistono alla muffa. Infatti, sono degli asciugamani che vengono consigliati più che altro per una attività all’aperto, visto che non si scoloriscono e non si rovinano per causa dei raggi solari.

Stile

Per parlare dal punto di vista dell’estetica, tra tutte le opzioni tra cui potremo scegliere, ne avremo tantissime. Tanto che, i colori neutri e quelli omogenei sono diventati delle tendenze, dato che si abbinano a qualunque ambiente, dal vintage al moderno. Quindi, potremo optare per degli asciugamani tutti bianchi o anche nella stessa gamma di tonalità. Troveremo facilmente anche dei modelli a righe o con fantasia.

Spessore

Lo spessore di un asciugamano essendo misurato in grammi per metro quadrato, sappiamo che più è spesso, più sarà in grado di assorbire l’umidità e quindi durerà più a lungo. Quindi, per essere certi della loro morbidezza e per il loro confort, ecco una breve lista per peso:

  • 300-400 g: sono tutti quelli leggeri, economici, spesso in promozione.
  • 400-500 g: sono tutti quelli di peso medio, per uso generale.
  • 500-600 g: sono tutti quelli morbidi al tatto, ottima capacità di assorbimento, resistenti all’uso.
  • 600-750 g: sono tutti quelli che rimangono asciutti anche dopo averli utilizzati, resistenti ai lavaggi, durano a lungo.

Conclusioni

Visto che non sempre è facile scegliere un buon asciugamano, questa guida è stata ideata appositamente, si è capito che è importante far riferimento a dei criteri fondamentali come per esempio il design, le dimensioni e anche la densità del filato. In qualsiasi caso, ricordate che la grandezza, lo spessore e la qualità sono gli aspetti essenziali per assicurarci di acquistare un buon asciugamano. Optate sempre per le fibre naturali, se questo sarà possibile, perché sono quelle ipoallergeniche e di solito anche le più resistenti. Ma in ogni caso, fate attenzione a tutti i fattori.

Valentina Bindi

Appassionata della lettura e dell’arte. Amante della scrittura. Scrivo dai periodi delle medie, ma dopo il liceo ho iniziato a perfezionarmi. Ho collaborato con qualche casa editrice, due pubblicazioni certificate e molte altre in self.  Da sempre ho creduto nella passione per la scrittura degli articoli, mi piace tutto ciò che ruota attorno alla tecnologia, alle moto e alla musica. Sono felice di poter scrivere articoli su questi temi.

Back to top
menu
miglioriasciugamani.it